Paolo Brandolisio

All’età di 16 anni, Paolo prova a costruire in casa una forcola e si decide a farla visionare al Maestro Remèr Giuseppe Carli. Questi, visto un flebile talento, lo invita a continuare su quella strada. Ora Paolo è fiero di aver avuto Carli come maestro ed è consapevole dell’importanza che questa persona ha avuto nella propria vita.

Il laboratorio di Paolo Brandolisio ha origini antiche: precedentemente era appartenuto al grande maestro Giuseppe Carli la cui famiglia aveva realizzato remi nello stesso luogo per almeno due generazioni.

Paolo ha mantenuto lo spazio del suo laboratorio nella stessa disposizione e ha tenuto lo stesso “arredo” che caratterizzava la bottega prima di G. Carli.

E’ per questa ragione un luogo, oltre che di lavoro, di grande fascino per chi lo scopre per la prima volta ma anche per chi ogni tanto ha voglia di rivederlo per prendere contatto con una dimensione diversa, antica, del tutto speciale. Si tratta quasi di un museo.

Sono presenti oggetti di intaglio, alcune tele impolverate, vecchie stampe. Molto interessante è la foto in bianco e nero che riprende il maestro e l’allievo in un simbolico passaggio di consegne.

Tutta la produzione di forcole e remi può essere ordinata su misura;ogni opera viene realizzata a mano, le forcole con un unico pezzo di legno (noce, ciliegio, pero), i remi sono realizzati in legno di ramin e presentano caratteristiche di leggerezza e rigidità in modo da risultare i più efficienti possibili nella spinta dell’imbarcazione.